Tag Archives: teatro delle moire

Vous êtes pleine de désespoir – Ilaria Cividini

Vous etes pleine de desespoir è un’inusuale performance, messa in scena da Alessandro Bedosti, Attilio Cristiani e Alessandra De Santis, a LachesiLAB di Milano, spazio del Teatro delle Moire. Inusuale e peculiare perché, durante la rappresentazione, non viene proferita una parola: è una performance dalla quale il pubblico si allontana in silenzio, senza i tradizionali applausi e senza alcun commento. Lo spettacolo si presenta come una rielaborazione del mito della sirena, la quale, tuttavia, non viene intesa come una figura ammaliatrice e affascinante: al centro della scena è collocato infatti un corpo quasi informe, celato da spesse e pesanti striature nere, livido e inerme. Intorno ad esso…

Vous êtes pleine de désespoir – Tommaso Rossi

Lo spettacolo Vous êtes pleine de désespoir di e con Alessandro Bedosti, Alessandra De Santis e Attilio Nicoli Cristiani, andato in scena a LachesiLAB mercoledì 9 maggio, ha fatto nascere in me sensazioni contrapposte, irritanti, ma allo stesso tempo interessanti. Questi contrasti non sono dovuti a un mio particolare gusto in ambito teatrale, bensì alla tipologia di opera costruita per lasciare interrogativi allo spettatore, che deve avere il piacere di provare a risolverli. Parlando con gli attori, prima e dopo lo spettacolo, ho avuto l’opportunità non di schiarirmi le idee, ma di accettare che ognuna delle mie interpretazioni dello spettacolo fosse corretta. Sarà forse più chiaro il mio pensiero…

Vous êtes pleine de désespoir – Francesca Di Spigno

Vous êtes pleine de désespoir è uno spettacolo di Alessandro Bedosti e della compagnia del Teatro delle Moire che rielabora in modo originale il mito della sirena. L’intera performance è ambientata all’interno di una piccola stanza bianca_ l’atelier creativo LachesiLAB. All’inizio dello spettacolo vediamo entrare in scena le figure di due uomini vestiti interamente di bianco (tute da laboratorio, guanti e stivali di gomma). Uno di questi trascina al centro della stanza un sacco contente il corpo nudo di una donna, più precisamente di una sirena. La figura della donna è molto diversa dai modelli di sirena della società contemporanea… sembrerebbe più una creatura abbattuta da un…

A tu per tu con il Teatro delle Moire

“Mettetevi nella vertigine di avere un’opinione”   È così che Alessandro Bedosti, attore e danzatore, a conclusione dello spettacolo Vous êtes pleine de désespoir, accoglie le domande dei ragazzi nello spazio LachesiLAB di Teatro delle Moire. Un’opera vivente, aperta, un “ambiente vuoto per catturare le visioni di molti”, come ha detto lo stesso Bedosti, che ha incuriosito le due classi del Liceo Einstein proprio per il suo aspetto non convenzionale. In scena ad affiancare Alessandro sono Attilio Nicoli Cristiani, Alessandra De Santis e una giovane liceale, Carlotta, la cui figura cambia ad ogni replica. Due uomini vestiti in bianco con stivaloni di gomma, tute da disinfestazione e…

A tu per tu con Filippo M. Ceredi

“Questo spettacolo nasce da una necessità: rendere la mia storia privata una narrazione pubblica e condivisa”     Con queste parole Filippo M. Ceredi inizia a raccontare, alla giovane platea radunata a Zona K, l’origine dello spettacolo Between me and P., dedicato alla sparizione volontaria del fratello Pietro nel 1987. Chiara la storia da raccontare, difficile trovare la forma adeguata: partendo da un cassetto pieno di fotografie, appunti, ritagli di giornali, libri Ceredi avvia una ricerca e compone scrupolosamente un archivio che ripercorre le tappe della vita del fratello. Lo spettacolo, vista l’esperienza di Filippo da videomaker, poteva essere un documentario, ma come colmare vuoti e lacune nella…