Tag Archives: liceo einstein

La bottega del caffè – Jacopo Gorgoglione

Le commedie di Carlo Goldoni continuano, dopo oltre 2 secoli dalla loro stesura, ad essere rappresentate con grande successo di pubblico e di critica, anche grazie alla loro attualità. Il caso specifico qui è La bottega del caffè, portata in scena al Teatro della Cooperativa di Milano su progetto de La Confraternita del Chianti, con la regia di Marco di Stefano. Protagonista e filo conduttore dello spettacolo è il gioco d’azzardo, male e pericolo tanto grande oggi quanto nel 1700, epoca in cui è ambientato lo spettacolo. Il tema è reso attuale da molteplici elementi, quali il doppio registro linguistico adottato dai personaggi, che alternano espressioni signorili…

La bottega del caffè – Giorgia Bottinelli

Lo spettacolo La Bottega del Caffè è un progetto de La Confraternita del Chianti andato in scena al Teatro della Cooperativa. La scenografia colpisce molto presentando un grande cartellone con “SLOT” scritto al neon appeso sul palco, elemento anacronistico che va a braccetto con l’adattamento del testo, perfettamente riuscito, da parte di Chiara Boscaro. Con leggerezza e comicità la drammaturga ripropone un grande classico utilizzando un linguaggio contemporaneo. Innovativa scelta del regista Marco di Stefano quella di far salire sul palco sei ragazzi per farli interagire con gli attori e allo stesso tempo mettere in mostra le capacità di improvvisazione di questi ultimi. Eugenio, assiduo frequentatore della…

La bottega del caffè – Iacopo Andreoni

“Fate sì che un giorno non si abbia a rider di voi”, queste celebri parole del drammaturgo veneziano Carlo Goldoni, uno dei padri del teatro moderno, capace di mischiare nei suoi lavori comicità e valori morali, sono state riprese nella reinterpretazione di una delle sue opere più fortunate, La bottega del caffè, andata in scena la prima volta nel 1751. Lo spettacolo, un progetto de La Confraternita del Chianti, si è tenuto il 18 Aprile presso il Teatro della Cooperativa di Niguarda con la regia a cura di Chiara Boscaro e Marco Di Stefano. La citazione di Goldoni rispecchia pienamente il senso dello spettacolo, che è capace…

Vous êtes pleine de désespoir – Ilaria Cividini

Vous etes pleine de desespoir è un’inusuale performance, messa in scena da Alessandro Bedosti, Attilio Cristiani e Alessandra De Santis, a LachesiLAB di Milano, spazio del Teatro delle Moire. Inusuale e peculiare perché, durante la rappresentazione, non viene proferita una parola: è una performance dalla quale il pubblico si allontana in silenzio, senza i tradizionali applausi e senza alcun commento. Lo spettacolo si presenta come una rielaborazione del mito della sirena, la quale, tuttavia, non viene intesa come una figura ammaliatrice e affascinante: al centro della scena è collocato infatti un corpo quasi informe, celato da spesse e pesanti striature nere, livido e inerme. Intorno ad esso…

Between me and P. – Mariacarmen Boccia

Perdere una persona è un dolore  che non ha paragoni, un dolore che spesso ci teniamo dentro e condividiamo solo con chi ci sta più a cuore, cosa che, però, non ha fatto Filippo Ceredi il performer che a 5 anni ha visto suo fratello andare via di casa per non tornare mai più senza lasciare alcuna traccia. Con gli occhi di quel bambino Filippo ci racconta la storia di suo fratello attraverso documenti, immagini, materiale audiovisivo, lettere e canzoni che, deciso a trovare delle risposte, ha raccolto lui stesso da quando le troppe domande pesavano sulla sua vita. Durante tutto lo spettacolo Filippo rimane in disparte, in…