Tag Archives: acrobazie critiche 2019

L’identità: un bene o un male?

Le nostre musiche, i nostri compositori, le nostre voci e… le nostre paure, tutto in un solo spettacolo: La Canzone Nazionale. Un progetto della compagnia olandese Wunderbaum che ha avuto luogo nelle vecchie Cristallerie Livellara, in Bovisa. Trasportati in una dimensione quasi fiabesca da un breve “corridoio” di edifici ricoperti dalle foglie di edera cresciuta a dismisura e illuminati da luci gialle, si arriva in un edificio decadente. Lo spettacolo ha preso avvio sulle note di famose canzoni italiane e dopo un po’ è riuscito a coinvolgere il pubblico, il quale, superato un primo momento di imbarazzo, ne è diventato parte attiva.…

La sfida ai nostri principi dei Wunderbaum

Quanto è forte il legame che lega gli italiani alle loro canzoni popolari? Su questo è possibile riflettere allo Spirit de Milan, luogo tanto fuori mano quanto sorprendente, in cui il 18 gennaio è andato in scena lo spettacolo La Canzone Nazionale del gruppo Wunderbaum. All’ingresso nella sala non si può trattenere lo stupore: lampadari sul soffitto, una piccola orchestra ad un lato della sala. Inizialmente lo spettacolo non sembra avere un grande significato legato alla comunità: due attori nei panni dei presentatori, aiutati da alcuni coristi milanesi, tessono le lodi della cultura italiana, esortando il pubblico a cantare con loro le più…

Una sottile linea tra senso, felicità e finzione

Beyond Fukuyama, in scena dal 26 ai 31 Marzo al prestigioso Teatro Filodrammatici di Milano, è frutto del duro lavoro di Thomas Köck, un giovane drammaturgo austriaco, e del celebre regista Renzo Martinelli che si è basato sulla traduzione di Adriano Murelli. Cinque attori, una luce decisa e un sottofondo martellante, questi i tre attori chiave che ci accompagnano, e trasportano, nel corso dello spettacolo che affronta numerosi temi in modo brillante e leggero, così da rendere la scena accattivante e la sceneggiatura poesia Come punto di partenza il giovane drammaturgo ha scelto un’opera con un’idea politica e sociale interessante e fuori dagli schemi.…

Tra giusto e sbagliato: Tamburi nella notte

Irrompono sul bordo del palco alcuni personaggi: vestiti da anni ’20 e trucco pesante, intonano una canzone da cabaret degli orrori, gettando davanti agli spettatori un soldato esanime. Inizio che spiazza e attira l’attenzione. Il sipario si apre, rivelando l’amplesso di due personaggi, e il dramma parte nell’esasperazione grottesca dell’Espressionismo Tedesco. 1919. La Grande Guerra è finita. La Germania ha perso e deve affrontarne le conseguenze. In mezzo allo smarrimento generale, però, qualcuno stila progetti: il signor Balicke durante la Guerra si è arricchito producendo articoli bellici e intende continuare a farlo con carrozzine per bambini, conseguenza naturale della decimazione dei tedeschi e del…

Una risata consapevole con Goldoni

“Non si sa mai che ci sia più di quel che appare” diceva Lee Child. Ed aveva perfettamente ragione; ne è una prova il Teatro della Cooperativa, edificio laconico e logoro, che cela però al suo interno un’energia galvanizzante, miscela di genio teatrale ed esperienza. Marco Di Stefano, il regista, insieme a Chiara Boscaro, adatta a regola d’arte l’opera originale di Goldoni, portando in scena La Bottega del caffè che, con la propria spontaneità e freschezza, riesce a magnetizzare su di sé l’attenzione del pubblico per tutti i sessanta minuti della rappresentazione. La drammaturgia si rivela essere coinvolgente e spiritosa al punto giusto, ma…

Imprevedibilità, altruismo e soldi: The Money di Kaleider

Curioso e innovativo, The Money di Kaleider si presenta come una nuova forma di intrattenimento teatrale che si traduce in uno spettacolo interattivo capace di infrangere qualsiasi barriera col pubblico. Il tema principale è quello del denaro, del suo valore e dei suoi possibili impieghi. In sessanta minuti un gruppo di persone deve raggiungere un accordo unanime su come usare la somma a disposizione. Tale apparente libertà di scelta è tuttavia limitata da alcune condizioni il cui unico scopo sembra essere l’ostacolare l’intesa tra i partecipanti. Il risultato che si ottiene è una performance difficile da definire, un ibrido tra un gioco…

L’esperimento sociale dei Kaleider: The Money

“Avete un’ora di tempo per decidere come spendere al meglio la somma di denaro a vostra disposizione”. Questa è stata la frase da cui è partito lo spettacolo o – volendo osare – l’esperimento sociale.  The Money è la combinazione tra un gioco di ruolo e una performance teatrale in cui è il pubblico a gestire lo show.  Si può assistere allo spettacolo del gruppo Kaleider scegliendo di essere un “testimone silenzioso” oppure un “giocatore”, il cui obiettivo è arrivare insieme agli altri giocatori, con una scelta unanime, ad una decisione su come devolvere una certa somma di denaro, con tutte le controversie e…

Stormo (R)Evolution: nessuno è da solo

L’inaspettata accoglienza delle luci fioche, la musica psichedelica e tratti tribale, un gruppo di persone che si muovono insieme creano l’armonia; a vederli sembrano uccelli in volo, non c’è un capo, ognuno è padrone di se stesso, del proprio corpo e del proprio personaggio. Dal 13 al 18 ottobre si è svolto lo spettacolo Stormo (R)evolution promosso dal gruppo teatrale Effetto Larsen.La rappresentazione è inserita nell’ambito del Danae Festival. Il luogo dell’esibizione era lo spazio Assab One a Cimiano e consisteva in un’ ampia sala, priva di scenari o oggetti di scena. Vi era solo un gruppo di persone che controllavano luci e musica. Effetto…