Percorsi di critica teatrale per le nuove generazioni

Edizione 2020/2021

Acrobazie Critiche

Il progetto

Percorsi Acrobazie Critiche 2020/2021

Corpi in movimento

Il distanziamento sociale e i mesi di lockdown hanno profondamente mutato il rapporto con il nostro corpo e con quello degli altri, all’interno dello spazio privato e soprattutto nei luoghi pubblici. La danza e le performing arts rappresentano una significativa possibilità per superare le difficoltà relazionali legate all’isolamento e alla paura causati dal Covid19. Riattivare il corpo e la visione di una pratica fisica codificata, possono diventare strumenti preziosi per i più giovani per riflettere sulle modalità di ravvicinamento con l’altro e di riappropriazione degli spazi condivisi.

I-generation

In un momento storico in cui gli adolescenti e i loro diritti sono messi in discussione, proponiamo un percorso che rimette al centro la prospettiva dei giovani, con uno sguardo privo di quei pregiudizi che spesso caratterizzano il mondo degli adulti. Cosa significa essere adolescente oggi? I dispositivi e le nuove tecnologie diventano strumenti virtuosi e indispensabili per instaurare una conversazione intergenerazionale.

UNIVERSI VIRTUALI RELAZIONI REALI

Il tema del virtuale è quanto mai urgente e attuale: per questo dedichiamo un percorso all’esplorazione degli “universi virtuali” ponendo al centro del percorso la riflessione su come prendono forma le relazioni, tanto nel mondo reale quanto in quello di internet. Obiettivo principale è permettere ai ragazzi di maturare un pensiero critico e di ragionare sulla relatività e sulle possibilità offerte dai molteplici mondi con cui hanno a che fare quotidianamente.

Rivoluzione Antigone

Quanto sono realmente lontani da noi i protagonisti delle tragedie greche? Tolti secoli di polverose interpretazioni e pedanti letture accademiche, gli eroi tragici sono più vicini ai giovani di quanto appare a un primo sguardo. Nell’intransigenza di Antigone, nella sfrontatezza di Prometeo, nei dubbi di Edipo, non riconosciamo forse alcuni dei più tipici atteggiamenti degli adolescenti di ogni generazione? Il classico per vivere va costantemente ripensato, criticato, messo a confronto. Quale luogo migliore del teatro per affrontare faccia a faccia il presente?