Rivoluzione Antigone

Quanto sono realmente lontani da noi i protagonisti delle tragedie greche? Tolti secoli di polverose interpretazioni e pedanti letture accademiche, gli eroi tragici sono più vicini ai giovani di quanto appare a un primo sguardo. Nell’intransigenza di Antigone, nella sfrontatezza di Prometeo, nei dubbi di Edipo, non riconosciamo forse alcuni dei più tipici atteggiamenti degli adolescenti di ogni generazione? Il classico per vivere va costantemente ripensato, criticato, messo a confronto. Quale luogo migliore del teatro per affrontare faccia a faccia il presente?


SPETTACOLI PERCORSO:

NON SONO NATA PER CONDIVIDERE ODIO
di Arianna Scommegna

Date da concordare con la scuola.
La conferenza-spettacolo può essere organizzata negli spazi dell’istituto.

Una drammaturgia per attrice sola che attraversa una delle più celebri e controverse figure del mito greco: Antigone. La sua forza nell’opporsi alle ingiustizie ne ha fatto un simbolo di resistenza e coraggio ma allo stesso tempo di un’intransigenza per certi versi difficile da comprendere. In continuo dialogo con Sofocle, questa conferenza-spettacolo indaga le più nascoste sfaccettature dell’eroina, attingendo ad alcune delle riscritture più dense del Novecento (Hasenclever, Cocteau, Yourcenar, Morante, Zambrano) e approdando fino a oggi, nelle parole di un’Antigone contemporanea: Anna Politkovskaja, la giornalista russa ritenuta dal potere “scomoda”, voce critica e libera, assassinata a Mosca nel 2006.

di e con Arianna Scommegna

*Chi è Antigone? – incontro con l’esperto

Rivoluzionaria, santa, terrorista: Antigone, più di ogni altro personaggio del mito greco, è stata rappresentata e reinterpretata nei modi più diversi. Maddalena Giovannelli, ricercatrice e studiosa di teatro antico sulla scena contemporanea, approfondisce con gli studenti una delle figure più attuali e controverse della tradizione tragica classica.

Rispondi