A tu per tu con Chiara Boscaro

Redazione/ maggio 8, 2018/ Incontri in #sal8/ 0 comments

 

I ragazzi del Liceo Parini hanno già conosciuto Carlo Goldoni come autore del nostro Settecento: sanno collocare il drammaturgo veneziano nel giusto contesto storico e sanno citare alcuni dei suoi capolavori. Questo primo incontro ha acceso la loro vivace curiosità: come si scrive una commedia? Se alla prima il pubblico non ride, come si procede? È lecito che gli attori improvvisino quando recitano un grande classico?

Chiara Boscaro, drammaturga e consorella della Confraternita del Chianti, ha trascorso una mattina tra i banchi del Liceo per svelare agli studenti alcuni segreti del teatro comico, raccontando loro il suo lavoro di adattamento drammaturgico sulla Bottega del caffè.

Una volta a teatro, le sue generose confessioni non hanno affatto pregiudicato la godibilità dello spettacolo: la platea di giovanissimi ha omaggiato gli artisti ridendo di gusto per tutta la durata della commedia.

Una risata spontanea ma – come ammettono gli stessi ragazzi a fine spettacolo – agrodolce: in questo adattamento attualizzante, che però si impegna a non tradire Goldoni nella sostanza, l’insegna ‘SLOT’ campeggia beffarda sul palcoscenico come triste monito, denunciando la persistenza di una pericolosa patologia che, ben lungi dall’estinguersi, si è propagata ed evoluta.

Al termine della rappresentazione gli artisti si sono riuniti nel foyer per chiacchierare con un drappello spontaneo di giovani ammiratori.

 

Percorso Drammaturgia
Visto Mercoledì 18 aprile al Teatro della Cooperativa
La Bottega del caffè
da Carlo Goldoni
regia Marco di Stefano
produzione Teatro della Cooperativa
un progetto La Confraternita del Chianti

Rispondi