La bottega del caffè – Giorgia Bottinelli

Redazione/ maggio 22, 2018/ I finalisti, Il concorso di critica/ 0 comments

Lo spettacolo La Bottega del Caffè è un progetto de La Confraternita del Chianti andato in scena al Teatro della Cooperativa. La scenografia colpisce molto presentando un grande cartellone con “SLOT” scritto al neon appeso sul palco, elemento anacronistico che va a braccetto con l’adattamento del testo, perfettamente riuscito, da parte di Chiara Boscaro.

Con leggerezza e comicità la drammaturga ripropone un grande classico utilizzando un linguaggio contemporaneo. Innovativa scelta del regista Marco di Stefano quella di far salire sul palco sei ragazzi per farli interagire con gli attori e allo stesso tempo mettere in mostra le capacità di improvvisazione di questi ultimi.

Eugenio, assiduo frequentatore della bisca dove sperpera il denaro della moglie Vittoria – interpretata da Valeria Sara Costantin – nel gioco d’azzardo, non è mai in scena: i personaggi faranno continuamente riferimento a lui, ma non verrà mai mostrato. La scelta è ben calcolata, infatti al giorno d’oggi il vizio del gioco è sempre più diffuso e a questo male il regista ha deciso di non dare un volto. Riscuote grande successo Valentina Scuderi interpretando Lisaura, la bellissima ballerina nota per accogliere gli ospiti solo “dalla porta davanti”, e Placida, che si presenta sotto mentite spoglie per non farsi riconoscere dal marito Flaminio, interpretato da Marco Pezza. Senza dimenticarsi di citare il fantastico don Marzio, un gentiluomo napoletano a cui piace impicciarsi negli affari altrui e diffondere zizzania, alias Giovanni Gioia. Si sente la mancanza del classico lieto fine, che la drammaturga ha riscritto ispirandosi alla realtà, dove non esiste il “vissero per sempre felici e contenti”.

Giorgia Bottinelli

2^H – Liceo Einstein

Percorso Drammaturgia
Visto Mercoledì 18 aprile al Teatro della Cooperativa
La Bottega del caffè
da Carlo Goldoni
regia Marco di Stefano
produzione Teatro della Cooperativa
un progetto La Confraternita del Chianti

Rispondi