Fly Butterfly

ideazione e regia Stefano Monti
elaborazione e progettazione
 Jolanda Cappi, Rocco D’Onghia, Stefano Monti, Franco Spadavecchia 
drammaturgia
 Rocco D’Onghia
rimessa in scena
 Nadia Milani
animatori
 Kirby Coppola, Laura Giannoccaro, Michela Marrazzi, Valentina Piccolo, Maria Luisa Carrozzo / Simone Maci 
scene e costumi Gianluca Massiotta
produzione Teatro del Buratto/Progetto Salento

Butterfly è una marionetta-bambina iniziata al mistero del teatro: il suo è un viaggio alla scoperta dell’arte drammatica, ma, allo stesso tempo, anche percorso rivelatore di sé e delle proprie potenzialità. Non si tratta di un cammino facile, ma affrontare difficoltà e fallimenti risulterà essere l’unica via per trasformarsi “da piccolo bruco in splendida farfalla”.

Spettacolo vincitore del premio Biglietto d’Oro AGIS nel 1995, Fly Butterfly viene riproposto dal Teatro del Buratto nel contesto dell’IF festival come punta di diamante della sua ricerca artistica in ambito del “teatro su nero” (teatro di figura in cui oggetti e marionette sono mossi da animatori, sullo sfondo di un telo nero) unito all’uso delle suggestive tecniche del “Bunraku”(il teatro d’animazione giapponese). In questa nuova edizione si esibiranno attori e mimi selezionati e formati dal Buratto nell’ambito del percorso biennale “Progetto Salento”.

Perché vederlo?

Per vedere come uno spettacolo di teatro su nero possa diventare vera e propria espressione di “teatro totale” e grazie alla profonda commistione di musica, parola e animazione, trasportare gli spettatori in un’atmosfera sospesa tra incanto e gioco.

Per chi ancora crede, con coraggio e senza sentirsi naif, che dalla debolezza possa nascere la forza e dalla perseveranza il successo.

 


Rispondi