Domanda del giorno: “L’età proibita. Appunti biografici di Marguerite Duras”

Come vi è sembrato lo spettacolo? Conoscevate Marguerite Duras? È la prima volta che assistete a un monologo? Io avevo già visto un monologo e, come in questo caso, trattava una tematica forte, l’anoressia. La cosa che mi ha stupito di più è stato il fatto di essere così fortemente trascinato dall’attrice. È stato interessante vedere quanto lei stessa si sia calata nel personaggio: attraverso la sua immedesimazione ci siamo immedesimati anche noi. Ho apprezzato anche il collegamento tra l’inizio e la fine dello spettacolo Leggi tutto →

Kit di sopravvivenza: L’età proibita. Appunti biografici di Marguerite Duras

Libri Una diga sul pacifico, il primo grande successo letterario di Marguerite Duras. La storia, densa di riferimenti autobiografici rimanda all’infanzia della scrittrice trascorsa, in compagnia della madre, a cercare di coltivare una tenuta sul delta del Mekong. Addio alle armi, lo stile asciutto e preciso di Hemingway fu per la Duras fonte di ispirazione per molti dei suoi libri. Un romanzo tragico e potente sullo sfondo della Prima Guerra Mondiale.   Canzoni Le déserteur di Boris Vian canzone antimilitarista per eccellenza pubblicata in concomitanza con la Leggi tutto →

Domanda del giorno: “Hermada. Strada privata”

Cosa ti è piaciuto e cosa invece non ti ha convito dello spettacolo Hermada. Strada privata? Hai scoperto qualcosa che non conoscevi della Prima Guerra Mondiale? Mi è piaciuto molto che il monte San Michele (uno dei due personaggi in scena, interpretato da Valentino Mannias n.d.r.) usasse anche il dialetto sardo che rendeva più realistica l’interpretazione. Ho apprezzato la semplicità della scena e il finale in cui, in modo molto significativo, vengono svelate le lapidi dei monti. Il fatto che nella Prima Guerra Mondiale usassero Leggi tutto →

Parassiti Fotonici – recensione di Naraiana Degl’Innocenti

Che cosa siamo disposti a fare per ottenere ciò che più desideriamo? Questa domanda è il filo conduttore dello spettacolo “Parassiti fotonici”, diretto e tradotto da Bruno Fornasari, dall’originale di Philip Ridley, che ha debuttato a Londra nel 2015. La commedia racconta la storia di una giovane coppia, Ollie (Tommaso Amadio) e Jill (Federica Castellini), in attesa del loro primo figlio, alla quale la misteriosa signorina Dee (Elisabetta Torlasco) offre gratuitamente una casa. L’unica condizione per ottenere la casa dei sogni è quella di occuparsi, Leggi tutto →

Road Movie – recensione di Sofia Botrugno

Anni Novanta. Stati Uniti. Joel, un ragazzo gay, incontra Scott, giovane poeta hippy e se ne innamora. Trascorre un breve periodo con lui ma decide poi di tornare a casa sua. La mancanza di Scott è però insostenibile e si cimenta quindi in un viaggio coast to coast di cinque giorni per rincontrare il suo innamorato e svelargli i suoi veri sentimenti. Il suo viaggio sarà costellato di incontri che lo trasformeranno profondamente e lo faranno riflettere sul vuoto incolmabile che si crea dopo la Leggi tutto →

Dire Fare Criticare – Spettatori protagonisti tra scuola e teatro

14 aprile – ore 14.30 – Palazzo Reale Sala Conferenze – Piazza Duomo 14 Milano È ormai consapevolezza comune – ribadita dai decreti ministeriali – che il futuro del teatro risiede nella formazione del nuovo pubblico e che l’educazione all’arte e alla cultura rappresenta il vero vantaggio competitivo sul quale costruire percorsi di crescita non solo dell’occupazione ma anche della convivenza civile. Ed è proprio partendo da queste convinzioni che nasce Dire fare criticare. Spettatori protagonisti tra scuola e teatro, convegno per riflettere sui limiti e Leggi tutto →

Hermada. Strada privata – Kit di sopravvivenza

Libri Niente di nuovo sul fronte occidentale di Erich Maria Remarque racconta, attraverso gli occhi del protagonista Paul Bäumer, il destino di migliaia di ragazzi appena diciottenni che, come lui, spinti ad arruolarsi in quella vagheggiata “guerra lampo”, si trovarono a vivere il fronte. Da fucina di patriottismo la guerra si trasformò presto in realtà di orrore, distruzione, fino al suo più triste epilogo di morte. I dimenticati della Grande Guerra di Quinto Antonelli. Le vicende di battaglia di un gruppo di giovani segnati da Leggi tutto →

Domanda del giorno: “Binge Drinking. Mondo Liquido”

A quanti anni il primo cocktail? Con chi lo hai bevuto? Non l’ho ancora bevuto. (Niccolò 14 anni, Liceo Classico Parini) Ho bevuto il primo cocktail quest’anno a una festa. (Camilla 15 anni, Liceo Classico Parini) Mi sembra a 15 anni, sui Navigli con amici. (Francesca, 17 anni, IIS Falcone-Righi) A 15 anni con mio padre, ero al diciottesimo compleanno di mio cugino. (Alice, 17 anni, IIS Falcone-Righi)   A cosa associ l’idea del bere? Direi al divertimento, anche se l’alcool non ha un sapore Leggi tutto →

Mal di recensione? Mal di testa critico? Ecco un ricostituente acrobatico!

Partiamo dalle basi: uno spettacolo teatrale è un’esperienza empatica che coinvolge il pubblico come parte del proprio processo creativo. Come ogni altra forma d’arte, lo spettacolo – sia piaciuto o meno – non esaurisce il suo effetto una volta usciti dalla sala, ma anima discussioni e suscita il confronto. Detto questo, perché costringere i propri pensieri a condensarsi in una forma ordinata e scritta piuttosto che lasciarli liberi di scorrazzare selvaggi nelle praterie della mente? Ecco qualche ragione: A chi serve una recensione? Innanzitutto a Leggi tutto →

Binge Drinking. Mondo Liquido – Kit di sopravvivenza

Libri Da dove sto chiamando, racconto che dà nome all’omonima autoantologia di Raymond Carver, è ambientato in un centro di disintossicazione per alcolisti. La scrittura piana, quasi minimalista, racconta la cruda quotidianità di due ospiti del centro; ne nascono alcune tra le più belle pagine dell’autore. Un testo d’obbligo per innamorarsi dello scrittore che ha segnato una svolta epocale nella storia della letteratura del Novecento. Spegni la luce e aspetta di Charles Bukowski. In questa antologia, forse non tra le più famose dell’autore, lo stile Leggi tutto →